Tragedia Lokomotiv: Ivan Tkachenko, capitano generoso

Una storia triste nella tragedia dello Yak-42 di Yaroslavl’ rivela che uno dei giocatori del Lokomotiv, morto nello schianto, era uno dei donatori in forma anonima di fondi per bambini malati, l’ultimo pagamento da mezzo milione di rubli era stato fatto un minuto prima del decollo ad un giovane malato di cancro.

Alcuni giorni fa, i genitori di Diana Ibragimova di Voronezh di 16 anni, hanno imparato il vero nome dell’uomo che ha salvato la vita della figlia. Ivan Tkachenko, capitano della Lokomotiv Yaroslavl Hockey Club, è stato l’artefice dell’invio di ingenti somme di denaro per Voronezh senza rivelare il suo nome o aspettarsi alcuna gratitudine.

La madre di Diana è scoppiata in lacrime quando ha appreso che Ivan era morto in un incidente orribile. Le ci volle molto tempo per capire che l’uomo di cui non sapeva nulla, tranne che si chiamava “Ivan”, era in realtà Ivan Tkachenko, capitano della Lokomotiv, il famoso hockey club di Yaroslavl’.

Il segreto del giocatore di hockey è stato rivelato grazie ad un noto blogger russo, Varfolomeev. In uno dei suoi ultimi messaggi scrisse che l’atleta aveva versato ingenti somme di denaro ai bambini malati. Diana è stato uno dei numerosi bambini fortunati che Ivan aveva aiutato.

Ivan ha trasferito il denaro alla famiglia di Diana due volte, ed entrambe le volte ha chiesto che il suo nome non fosse indicato in nessuna circostanza.

“Abbiamo ricevuto 500 mila rubli per due volte, entrambe provenienti da uno sconosciuto Ivan. Ho pensato che potesse essere un imprenditore di successo e non poteva immaginare che era uno dei giocatori più noti di hockey russo. Un uomo così giovane! ” Esclama Elena, la madre della ragazzina aiutata.

Dopo che la famiglia ha ricevuto il secondo trasferimento, hanno scritto una lettera a Ivan, ma non hanno mai ricevuto una risposta. Né Diana, né la madre sapevano che pochi minuti dopo l’invio del denaro, Ivan Tkachenko era morto in un terribile incidente aereo non lontano dalla città di Yaroslavl’.

Il generoso giocatore di hockey non amava parlare della sua filantropia. Solo i suoi amici più intimi sapevano che Ivan aveva aiutato i bambini cui hanno diagnosticato malattie terribili.

“Vanja adorava i figli”, uno degli amici di Tkachenko ha ricordato. “Sua moglie è ora in attesa del loro terzo figlio.”

I suoi parenti dicono che Ivan si precipitava sempre ad aiutare quando vedeva un bambino bisognoso del suo aiuto.

“Ivan non voleva che nessuno sapesse che stava aiutando persone meno fortunate”, hanno riferito le autorità al fondo di beneficenza Advita. “Non voleva gratitudine; ha aiutato i ragazzi e gli adulti che avevano bisogno del suo aiuto. Ha salvato molte vite! “.

fonte: tradotto e rielaborato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Tragedia Lokomotiv: Ivan Tkachenko, capitano generoso

  1. Anonimo scrive:

    eri un grande uomo..complimenti ivan…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*