Un piccolo pezzo di Russia lontano dalla Madre Patria

Il vasto territorio della Fed. Russa si estende su terra e su mare, raggiungendo anche posti sperduti. Una piccola parte dell’arcipelago di Spitsbergen, ufficialmente appartenente alla Norvegia, è disciplinato dalla legge russa.

La Russia possiede circa un terzo del territorio dell’Arcipelago Spitsbergen, avendo sviluppato una miniera di carbone durante il periodo sovietico.
E dopo il crollo dell’URSS, la zona è diventata ancora più importante per la Russia.
Un gruppo di isole tra il diavolo ed il profondo mare blu: per l’URSS, Spitsbergen è stata un po’ come Puerto Rico per gli Stati Uniti – non del tutto sua, non ancora del tutto estranea. Un ex avamposto tra Nord America ed Europa occidentale e, come molti sperano, una futura base per l’avanzamento della Russia nella regione artica.

Agli occhi occidentali, la statua di Lenin che incombe ancora sulla città di Barentsburg è un monumento alle fallite ambizioni sovietiche. L’insediamento, un tempo della fiorente comunità mineraria, è in uno stato pietoso. Eppure, dietro la sua facciata si vede una scritta dipinta sul muro che i russi non mollano, al contrario, che intendono tornare.

“C’è stato un tempo in cui l’Unione Sovietica era temuta e rispettata. Non si può tornare indietro nel tempo, ma anche la Russia dovrebbe posizionarsi come uno Stato forte. Le persone che visitano Barentsburg dovrebbero sentirsi come se avessero calpestato il suolo russo “, dice Vitaly Troshenkov.


E’ la seconda estate di fila che Vitaly spende a Spitsbergen. La sua pittura murale raffigurante la Russia come un’arca è destinata a proiettare un’immagine di uno stato incrollabile che emerge da una storia travagliata. In una città che sperimenta ancora difficoltà con acqua corrente ed elettricità, questa scelta di priorità sarebbe stata discutibile se non fosse stato geopoliticamente tempestivo.

Gli insediamenti russi a Spitsbergen hanno l’erba più verde grazie ai carichi di terra nera che sono stati portati qui dalla Siberia ai tempi dell’Unione Sovietica.

Tuttavia legalmente, questo territorio appartiene alla Norvegia, ma dal 1920 un accordo garantisce ai suoi firmatari il diritto di svolgere attività industriale sull’arcipelago – un’opzione pienamente utilizzate solo da Mosca che è stato del carbone qui per decenni.

I metodi sovietici sono dure a morire. L’attrezzature della miniera non è cambiata molto negli ultimi 50 anni. Il carbone prodotto qui è sempre stato piuttosto costoso, ma nessuno ha mai pensato di smettere. Non è mai stato un problema di economia, bensì della politica. Mosca ha voluto mantenere la sua base su Spitsbergen ad ogni costo. Ora, i volumi di produzione si sono ridotti a solo una frazione di quello che un tempo, ma mantenendo una presenza russa sul arcipelago è ancora considerata una questione di importanza strategica.

L’insediamento, che sembra essere stato congelato nel tempo, conserva gran parte dello spirito e della cultura sovietica.
“Ho 27 anni quindi non ho ricordi nitidi dell’Unione Sovietica, ma credo che lo spirito sovietico è molto ben conservato qui. Ci sono persone qui dall’Ucraina, dalla Bielorussia, dall’Asia centrale e ci sentiamo tutti come cittadini di un paese “, confessa Dmitry Fitsura, uno dei minatori.

Ironia della sorte, l’atteggiamento verso la redditività della miniera è anche intrinsecamente sovietico. E’ stata in perdita per decenni, e renderla più efficiente non conviene dal punto di vista politico.
“L’estrazione del carbone è ciò che permette alla Russia di essere presente su Spitsbergen. Per essere redditizio, abbiamo bisogno di estrarre almeno tre volte il carbone che estraiamo adesso, ma visto che i depositi sono finiti dobbiamo muoverci con cautela”, dice Alexander Veselov, direttore del ArcticUgl, l’operatore della miniera.

Nel frattempo, la Russia ha aumentato i finanziamenti alle spedizioni scientifiche su Spitsbergen, nel tentativo di esplorare le ricchezze naturali dell’arcipelago.
Nikita Boutoma è un geologo che arrivò tra i primi a Barentsburg verso gli anni ’80. Grazie ai recenti aumenti dei finanziamenti statali ha avuto la possibilità di ritornare.
“Spitsbergen è la chiave per l’Artico. Dal punto di vista geografico è un posto dove il clima globale si sta formando. Geologicamente, si tratta di una terra unica per la scienza e dal punto di vista minerario. E’ ricco di minerali, di petrolio, gas e altri giacimenti. E’ un posto che semplicemente non possiamo permetterci di perdere”, sottolinea Nikita.
E il suo paese sembra essere completamente d’accordo.

fonte: rielaborato e tradotto da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Arte e Cultura. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*