La catena di ristoranti Rosinter in profondo rosso

Rosinter, la catena che comprende marchi molto famosi tra i quali Il Patio, Planeta Sushi, TGI Friday’s, Costa Coffee, AmBar, Pechki-Lavochki, Siberian Crown e molti altri è uno dei principali operatori russi nel comparto del food and beverage ed ha segnalato per il primo semestre dell’anno in corso una perdita netta di 321,5 milioni di rubli secondo gli standard internazionali di contabilità (IFRS).


Il CEO del gruppo, Hugh Carroll, ha così commentato la notizia: “Nel primo semestre del 2011 il fatturato consolidato di Rosinter è aumentato del 8,0% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e ammonta a 5.069 milioni di rubli. Il risultato è stato trainato dalla crescita del 4,3% delle vendite nei negozi comparabili e un maggior contributo di ristoranti aperti di recente. Il margine di profitto lordo è aumentato al 18,6% nel secondo trimestre rispetto al 17,2% nel primo trimestre del 2011. Allo stesso tempo, un certo numero di ristoranti erano ancora sotto alle aspettative e, in conformità alla normativa IFRS, abbiamo maturato un fondo una tantum di svalutazione delle loro attività per un totale di 191 milioni di rubli. Ciò ha provocato la contrazione dell’EBITDA e perdite nette di 321 milioni di rubli nella prima metà dell’anno. ”

“Durante la prima metà del 2011 abbiamo inaugurato 25 nuovi ristoranti, tra cui 11 aziendali e 14 in franchising. Ora il totale è aumentato a 378 ristoranti a livello di gruppo. Nel 2011, abbiamo anche ampliato la nostra copertura geografica in Azerbaigian e in Siberia, ad Irkutsk, e i ristoranti Rosinter ora operano in 43 città ed in 10 paesi. In futuro continueremo la nostra strategia di selezione di alta qualità, mantenendo il nostro ritmo di espansione di franchising con ampia copertura geografica. “I nostri sforzi si concentreranno sulla rivitalizzazione del core brand, ottimizzando i processi organizzativi e la distribuzione di esperienze di alta qualità degli ospiti. Entro la fine dell’anno introdurremo nuovi menù stagionali e campagne pubblicitarie mirate che ci permettono di beneficiare di nuove opportunità di mercato”.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*