Aumenti ai dazi doganali sul vino importato

I vini economici di origine europea, secondo gli esperti del settore, potrebbero scomparire dagli scaffali dei locali moscoviti entro il prossimo mese,  con il prezzo di una bottiglia di vino che per Francia, Italia, Spagna o Germania è destinato a salire di 150-200 rubli ($ 5 a $ 7) a causa dei nuovi regolamenti doganali.

Il Servizio federale delle dogane ha alzato il prezzo minimo sulle bottiglie di vino importate dall’Unione Europea dal 1 ° giugno, ma i fornitori russi hanno fatto orecchie da mercante fino ad oggi – purtroppo il proprio stock di vino a buon mercato si sta esaurendo.

Rappresentanti del settore stimano che un litro di vino di origine europea costerà un minimo di 200 rubli. La dogana aveva già fissato il prezzo minimo per un litro di vino francese a 10 $, ma è ora lo sta riposizionando a $ 15. Il più economico vino italiano è salito da $ 4 a $ 7 per litro.

Secondo le statistiche dell’Unione europea, alcuni importatori di vino abbassano i loro prezzi dichiarati dal 12 al 15 per cento per evitare di pagare tariffe più alte.

E’ troppo presto per parlare di un aumento dei prezzi del vino, ha detto Maxim Klyagin, analista di gestione FINAM ha dichiarto che “Non c’è motivo di preoccuparsi se la situazione continua a crescere ai ritmi attuali”.

Ma Vadim Drobiz, direttore del Centro di ricerca per i mercati alcol federali e regionali, ha messo in discussione perché il vino in Russia è ancora più costoso che in Europa, anche se importatori russi mantenere l’abbassamento dei prezzi nelle loro dichiarazioni doganali.

Drobiz afferma che i prezzi per il vino in Russia sono 5-6 volte più alti che in Europa. Il prezzo più basso per importare vino europeo è di 200 rubli, ma in Occidente lo stesso vino può costare 1 euro (1,40 dollari).

Drobiz ha affermato che per alcuni brand vinicoli non sarà più conveniente importare con le nuove normative e spariranno dai negozi del tutto.

“Un cliente non compra il vino per 400 rubli se sa che costa veramente 2 dollari”, ha detto.

Gli esperti prevedono che le marche economiche provenienti dal Cile e dall’Argentina riempiranno il vuoto lasciato dai vini europei nel segmento economico, dove i prezzi oscillano dai 130 ai 150 rubli per ogni bottiglia.

La nuova normativa ha come obiettivo solamente il vino imbottigliato, ha dichiarato Mikhail Blinov, presidente della Associazione degli importatori di vino. Il prezzo dei prodotti vitivinicoli che vengono consegnati ai produttori russi in cisterne, elaborati e poi in bottiglia non aumenteranno.

L’ottanta per cento dei produttori di vino russo sono importatori di prodotti grezzi. Il problema è che i produttori di solito cercano prodotti che sono i più economici e di bassissima qualità.

“Il vino di qualità può essere fatto solamente dalla coltivazione di proprie viti”, ha detto Blinov. “Non appena si inizia a trasportare il vino, la qualità logicamente scende.”

L’Associazione degli Importatori di Vino non ha adesso come adesso programmi per contestare la normativa doganale.

“Se i rivenditori dicono che va bene aumentare il prezzo di 200 rubli e la domanda continuerà ad esistere, non ci sarà alcun problema”, ha detto Blinov.

fonte: The Moscow Times

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*